Siamo appena rientrati dalle vacanze, che già l’arietta si è fatta un pò fresca, la prima pioggia settembrina non si è fatta attendere e subito pare affacciarsi un’atmosfera autunnale.Già mi immagino stretta nella mia copertina di pile a bere la tisana serale, mentre in casa tutti dormono tranquilli.E anche se negli occhi e tra i capelli ho ancora qualche raggio di sole di questa calda estate, sono subita corsa a realizzare un lavoretto autunnale.

Complice stavolta è stata la mia sorellina Francesca, sorellina si fa per dire ha 40 anni ma per noi rimane la piccolina di casa.

La scorsa settimana, quando ci siamo riviste, mi ha accolto con un gran sorriso e anzichè prepararmi un buon caffè mi ha messo tra le mani due pezzi di stoffa.

Ecco, ha detto, era una sacca porta coperta, poi mamma ne ha fatto dei cuscini, vedi tu cosa farne.

Insomma ricicla questa stoffa, che è troppo caruccia da buttare.In realtà aveva ragione, è un tessuto trapuntato patchwork in stile country,sui toni del verde scuro e fiorellini rossi e appena arrivata tra le mie mani sapevo già cosa ne avrei fatto.

Una sola cucitura a macchina, qualche punto filza libero, ovatta sintetica, bastoncini di cannella e nodi di lana verde scuro.Il gioco è fatto.

Delle simpatiche zucche pronte per un allestimento di stagione autunnale.

Il bello è che adesso le reclama, ma io sarò pronta a dare vie le mie zucchette riciclate?

                                  Voi che fareste?Le cedereste?Non sono carucce?

A presto

Manuela

Commenti disabilitati su Le zucche riciclate